Vescica Iperattiva | Pavimento Pelvico Roma
16502
bp-legacy,post-template-default,single,single-post,postid-16502,single-format-standard,admin-bar,no-customize-support,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,no-js

Vescica Iperattiva

Vescica Iperattiva

Cos’è la Vescica Iperattiva

Il termine Vescica Iperattiva indica una situazione in cui sono riscontrabili una serie di sintomi:

  • Urgenza minzionale: improvviso ed impellente bisogno di urinare, spesso impossibile da rinviare e che può quindi portare ad un’involontaria perdita di urina;
  • Aumento della frequenza degli episodi minzionali, sia diurni che notturni;
  • Associazione frequente ad Incontinenza Urinaria da Urgenza: impossibilità di trattenere l’urina (tutta o in parte), una volta che è stato avvertito lo stimolo.

Questi sintomi possono essere legati anche ad altre patologie a carico delle vie urinarie, per questo è necessaria una diagnosi medica che le escluda.

Le cause

Le origini di questo problema possono essere molteplici: disturbi del riflesso minzionale, alterazione della trasmissione nervosa, disturbi muscolari o ancora alterazioni comportamentali o disturbi psicosomatici.

La causa più comune

Molto spesso la vescia iperattiva è conseguenza di una iperattività del muscolo detrusore, che determina una contrazione involontaria della vescica in un momento non corretto. Il detrusore infatti è il muscolo che si contrae durante la minzione, per permettere l’espulsione dell’urina dalla vescica. Questo muscolo non si contrae mai durante la fase di riempimento vescicale, anzi rimane rilassato. Quando iperattivo invece si contra involontariamente anche nella fase di riempimento determinando una sensazione di urgenza minzionale non rinviabile, spesso associata a fughe di urina.

Come limitare il problema: stile di vita

Ovviamente modificare il proprio stile di vita non significa risolvere il problema, ma sicuramente aiuta a gestirlo, limitandone i disturbi.

  • Evitare o almeno limitare il consumo di tutte le sostanze che possano irritare la vescica (e le vie urinarie in genere): caffeina, teina, alcolici, bevande energetiche, peperoncino, cioccolato e cibi troppo grassi.
  • Evitare il fumo di sigaretta.
  • Rinforzare la muscolatura del Pavimento Pelvico.
  • Effettuare il bladder training.

Perchè rinforzare i muscoli del Pavimento Pelvico?

Il muscolo detrusore lavora in modo coordinato con i muscoli del Pavimento Pelvico:

  • se il detrusore si contrae per far uscire l’urina, i muscoli del PP si rilassano per permetterne il passaggio;
  • se il momento non è giusto per fare pipì, i muscoli del PP si contraggono avvertendo in questo modo il detrusore che non deve “strizzare” la vescica. Il detrusore si rilassa e lo stimolo è rinviato.

Se i muscoli del PP però non sono in grado di contrastare lo stimolo proveniente “dall’alto”, si avrà una fuga involontaria (e indesiderata) di urina.

Il bladder training sfrutta questa capacità di rinviare lo stimolo. Durante il trattamento riabilitativo, una volta che la muscolatura ha recuperato una buona forza, si richiede di posticipare lo stimolo. Si inizia con pochi minuti e in ambiente protetto, per poi aumentare il tempo e la difficoltà. E’ importante però che la contrazione sia corretta, perchè se si contraesse anche l’addome, si creerebbe una pressione eccessiva sulla vescica che potrebbe portare all’effetto opposto: uno stimolo ancora più impellente.

 

Dr.ssa Ft Simona Colicchia

 

Please follow and like us:
error


Vai alla barra degli strumenti